giovedì, 26 Novembre, 2020
Home Greenbuilding Milano: il nuovo Policlinico di Boeri avrà un tetto giardino terapeutico

Milano: il nuovo Policlinico di Boeri avrà un tetto giardino terapeutico

Il progetto del Nuovo Policlinico interviene nel delicato sistema attuale, costituito da un recinto e da numerosi singoli padiglioni, introducendo una diversa logica di intervento che si basa su tre principali caratteristiche. Il nuovo complesso ospedaliero è un edificio integrato, formato da due edifici alti (Stecche), ai limiti Nord e Sud del Complesso dove sono collocate le degenze dei due Poli: Medico e Materno/Infantile; un edificio più basso (Piastra) a integrazione dei due Poli, posto al centro, tra le due stecche, con le funzioni più intime e operative della Struttura: le sale operatorie, le sale parto, le terapie intensive.

I vari servizi del Complesso sono comunque interconnessi con i restanti padiglioni attraverso un riorganizzato sistema di percorsi sotterranei, a livello -1 dove sono anche collocate una buona parte delle funzioni diagnostiche.

La costruzione del nuovo Complesso ospedaliero valorizza l’aspetto pubblico del recinto del Policlinico come sistema urbano attraversabile, caratterizzato da funzioni urbane di servizio (commerciali, terziarie) e aumentando la permeabilità dello spazio pubblico esterno attraverso una Galleria pubblica che collega via Della Commenda con via Francesco Sforza.

Ognuno dei grandi edifici che, nel tempo, hanno caratterizzato questa parte di città, ha sempre accompagnato all’idea della grande dimensione la costruzione di uno spazio aperto che, con il variare delle funzioni ospitate, ha assunto, di volta in volta, il carattere di uno spazio privato, semi-pubblico, pubblico o collettivo.

Sulla copertura dell’edificio centrale c’è un grande Giardino pensile di 7.000 metri quadrati con circa 100 alberi di varia grandezza e con specie arbustive coerenti per il giardino del Nuovo Policlinico.

Lo spazio è liberamente accessibile dai reparti e potrà ospitare anche eventi organizzati da operatori esterni alla struttura sanitaria con obbiettivi sia terapeutici che ludici.

Fonte Articolo: Sito Ufficiale – Stefano Boeri

1 COMMENT

  1. Mi sembra una grandissima cosa! Anche se mi convincono poco i grandi alberi… con le loro radici, alla lunga, non rischiano di spaccare tutto?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Perchè essere un posatore di serramenti certificato?

E' certo che la #formazione che corre di pari passo con l'esperienza non può che completare quest'ultima sigillandone la garanzia, senza contare che si...

Samsung presenta l’armadio intelligente: lava, asciuga e stira i vestiti in automatico

Nella gestione quotidiana della casa, la parte dedicata a lavare, asciugare e stirare i panni è forse quella che prende più tempo e costa...

Marito e moglie piantano 2 milioni di alberi in 20 anni, riportando in vita un’intera foresta

Secondo la Food and Agriculture Organization dell’ONU, 129 milioni di ettari di foresta, un’area di dimensioni quasi equivalenti al Sudafrica, sono stati distrutti dal...

Bioedilizia, dallo scarto della canapa il mattone che isola la casa

Un modo alternativo (e sostenibile) per costruire case: l’Enea certifica l’efficacia della canapa in edilizia.Il​ settore dell’edilizia ​è uno dei più ​energivori ​in assoluto: secondo le...

Recent Comments