sabato, 17 Aprile, 2021
Home Innovazione Una proposta italiana: le strade con gomma riciclata

Una proposta italiana: le strade con gomma riciclata

La presente invenzione ha per oggetto un elemento modulare per pavimentazione stradale brevettato da un giovane italiano, Emiliano Quarasima.

In particolare gli elementi modulari cui si fa riferimento in questo articolo sono blocchetti di forma sostanzialmente cilindrica o prismatica che 5 vengono utilizzati per la realizzazione di strade, piazze, piste ciclabili e parchi giochi.

Un Sanpietrino innovativo e sostenibile in grado di offrire migliori prestazioni tecniche, ambientali (economia circolare) , economiche e di sicurezza rispetto al sanpietrino oggi standard del settore. Sangommino garantisce tutte le caratteristiche estetiche dei classici Sanpietrini, offrendo i seguenti vantaggi e risolvendo innumerevoli problematiche:

– Maggiore durata in opera;

– Drastica riduzione dei costi di manutenzione;

– Superiore resistenza allo spostamento laterale e sollevamento dovuta al meccanismo ad incastro;

– Un significativo grip delle ruote con conseguente antislittamento;

– Salvaguardia della viabilità dovuta all’assenza di buche;

– Una riduzione delle vibrazioni e delle rumorosità derivanti dal traffico automobilistico;

– Resistenza al gelo e a sali disgelanti; – Permeabilità dell’acqua che evita il fenomeno aquaplaning;

– Facilità di accesso alla rete dei sottoservizi ospitati sotto il manto stradale e di ripristino senza lasciare tracce;

– Il recupero e il riuso di diverse tonnellate di plastica e PFU;

Tipicamente questi elementi vengono disposti secondo geometrie prestabilite o casuali su un sottofondo stradale mediante semplice incastro oppure inserendo negli interstizi tra gli elementi un materiale legante e/o di 10 riempimento.

Il materiale di riempimento consente di mantenere in posizione gli elementi precedentemente posati e di assorbire le eventuali sollecitazioni generate dal transito di mezzi o persone e dall’assestamento del terreno. L’elemento modulare più diffuso in Italia è sicuramente il cosiddetto 15 “sanpietrino”, ovvero un blocchetto lapideo di forma tipicamente prismatica, cilindrica o troncopiramidale che prende il suo nome dall’apostolo, dalla basilica e dalla piazza di San Pietro a Roma.

Il sanpietrino viene usato tutt’oggi a Roma e in tutta Italia per la pavimentazione di varie strade urbane e piazze. Il fascino estetico e il richiamo al passato delle pavimentazioni realizzate con i sanpietrini, nonostante i lunghi tempi di posa che richiedono e il costo elevato, ha fatto sì che questa tipologia di pavimentazione sia ancora oggi di grande richiesta.

Ulteriore scopo della presente invenzione è mettere a disposizione un elemento modulare che consenta di realizzare in modo pratico ed efficiente pavimentazioni stradali durabili nel tempo e sicure.

Stefano Signorelli
Stefano Signorellihttp://blog.sostenibile.io/
Presidente Associazione Culturale per la Difesa e Promozione dell'Ambiente: Sostenibile.io

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Casa ‘parassita’ nuova frontiera dell’abitare sostenibile in Provincia di Varese

Tipologia di intervento: Riqualificazione e ampliamento di una villetta unifamiliare con struttura prefabbricata in legno, secondo i principi della casa passiva con caratteristiche...

Parco dei mulini, housing sociale ecosostenibile certificato GBC Home a Ravenna

Tipologia di intervento: Complesso residenziale realizzato con il sistema costruttivo innovativo “ Easy Building System” con caratteristiche di efficienza energetica spinte, certificato...

Bonus mobili 2021: spese ammesse in detrazione

Si può usufruire della detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+...

CERTOSA INCLUSIVA: La prima Smart City Sociale in Europa

Le Amministrazioni Pubbliche hanno legiferato negli anni scorsi, sia in ambito locale, sia nazionale, sia internazionale, a favore di una maggior attenzione...

Recent Comments