martedì, 24 Novembre, 2020
Home Greenbuilding Parco di Plinio, il primo quartiere ecosostenibile di Roma…lo è davvero?

Parco di Plinio, il primo quartiere ecosostenibile di Roma…lo è davvero?

Il progetto di Parco Plinio si estende per 4 ettari e ospita al suo interno sei complessi edilizi ognuno dei quali e costituito da 32 unita abitative distribuite su 5 piani, realizzati con sistema strutturale in legno X-LAM. In un periodo particolarmente difficile per il settore delle costruzioni, quello delle costruzioni in legno rappresenta l’unico mercato in crescita, con previsioni di incremento, entro il 2015, pari a +50% per l’edilizia residenziale e +70% per l’edilizia non residenziale (ospedali, edilizia scolastica, capannoni, uffici).

L’obiettivo e quello di creare un esempio di bioedilizia ed ecocompatibilità, dove il 100% dell’energia necessaria per il riscaldamento, la climatizzazione e la produzione di acqua calda sanitaria, sia ottenuta da un impianto di trigenerazione a oli vegetali, realizzato ad uso esclusivo del centro residenziale.

Grazie a questa soluzione impiantistica il nuovo complesso e sostenibile anche sotto il profilo ambientale, abbattendo le emissioni inquinanti e riducendo la quantità di calore disperso grazie ad un sistema di depurazione dei fumi.

Tipologia di intervento: Primo edificio da 32 delle 160 unita abitative nuove distribuite in sei complessi edilizi da 5 piani ciascuno, realizzato con sistema costruttivo in legno, con caratteristiche di efficienza energetica spinte, dove il 100% dell’energia necessaria per il riscaldamento e ottenuta da un impianto di trigenerazione a oli vegetali;

Caratteristiche di cantiere: prefabbricazione in legno;

Specializzazioni richieste: maestranze competenti, montatori e impiantisti per l’efficienza energetica;

Caratteristiche di innovazione: Ai fini dell’efficienza statica e energetica l’edificio e realizzato con un reticolato costruttivo in legno massiccio o lamellare, impostato su strutture di fondazione in cemento armato, che garantisce il massimo della solidità. Come e noto i vantaggi dell’edificio in legno rispetto alle costruzioni tradizionali in muratura e cemento sono innumerevoli: come la salubrità dei materiali, la migliore resistenza sismica ed un risparmio energetico superiore al 70%. Inoltre gli edifici in legno hanno una resistenza al fuoco nettamente maggiore rispetto alle strutture tradizionali in cemento, dato che la combustione del legno avviene molto più lentamente e data la bassa conducibilità termica la velocita di carbonizzazione e molto più lenta.

fonte: Legambiente

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Bioedilizia, dallo scarto della canapa il mattone che isola la casa

Un modo alternativo (e sostenibile) per costruire case: l’Enea certifica l’efficacia della canapa in edilizia.Il​ settore dell’edilizia ​è uno dei più ​energivori ​in assoluto: secondo le...

Energy Box: un esempio di Architettura Sostenibile

Energy Box e una casa nella casa, una nuova abitazione, realizzata con una struttura in legno lamellare a strati incrociati, all’interno di quella già...

Risparmio energetico: arriva la serra bioclimatica che taglia la bolletta

ENEA ha progettato e realizzato una serra bioclimatica dotata di un orto idroponico, che permetterà di studiare e valutare le nuove prestazioni energetiche della “Scuola delle...

Come risparmiare sui costi del riscaldamento senza aprire le finestre

Risparmiare sui consumi in casa non è solo una questione economica. Oltre alle bollette, spendere meno in riscaldamento consente di ridurre il nostro impatto...

Recent Comments