lunedì, 10 Maggio, 2021
Home Energia Solar Village: alloggi e comunità sostenibili a Mallorca

Solar Village: alloggi e comunità sostenibili a Mallorca

Parc Balearic Information Technology (ParcBIT) è un’iniziativa del governo delle Isole Baleari, come parte del progetto ExpoCities nell’ambito del programma dell’Unione europea Thermie, per generare un nuovo approccio agli ambienti di vita e di lavoro.

I driver dello schema sono la fornitura di collegamenti di telecomunicazioni all’avanguardia, un’infrastruttura moderna, sostenibile ed efficiente e un ambiente costruito di alta qualità.

Dopo aver vinto una competizione internazionale nel 1994, la pratica è stata commissionata per pianificare una comunità di lavoro / lavoro mista per circa 5.000 abitanti in un sito che si trova a 12 chilometri a nord di Palma. Situato su un terreno agricolo vicino al campus universitario di Maiorca, ParcBIT, è delimitato a est ea ovest dallo sviluppo ma da aperta campagna a nord. Una finca esistente (casa colonica) che è conservata nel nuovo piano è situata sulla prua della cresta al centro del sito, tra due valli torrentizie che portano via l’acqua dalle montagne al mare.

Rispondendo al manifesto del cliente, la proposta è altamente sostenibile, implementando sistemi che bilanciano il ciclo di offerta e domanda all’interno della comunità. Lo schema può anche essere ‘letto’ come un fisico

manifestazione dell’era della telematica – ParcBit riconosce che il luogo di lavoro non è più definito dai centri storici di occupazione, ma sarà sempre più determinato da questioni chiave come la qualità della vita e l’ambiente. Lo schema è deferente al terreno esistente, riconoscendo che il paesaggio è la memoria collettiva di una cultura. Il nuovo sviluppo integra piuttosto che compromette il paesaggio e la sua ecologia locale – la topografia esistente ha giocato un ruolo significativo nella definizione di forme costruite e schemi di circolazione, con edifici situati sulle terrazze che avvolgono la Finca e la cresta, seguendo i contorni della terra. Inoltre, lo schema offre una chiara priorità a un ambiente pedonale, con parcheggi contenuti nel perimetro del sito.

ParcBIT riduce il consumo d’acqua fornendo al tempo stesso un paesaggio a beneficio sia delle persone sia dell’ecologia locale – l’acqua terziaria viene utilizzata per l’irrigazione. Il sistema energetico del masterplan garantisce un elevato livello di comfort negli edifici riducendo al minimo l’impatto ambientale e le emissioni di anidride carbonica. Lo fa attraverso un impianto CHCP centrale ad alta efficienza che incorpora un approccio innovativo all’integrazione dell’energia solare rinnovabile.

Fonte Articolo: Rogers Stirk Harbour + Parteners

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Milano, la facciata del palazzo che divora lo smog

Stiamo volando a gran velocità nel futuro e continuiamo in effetti tutti a chiederci quali saranno le innovazioni che caratterizzeranno i prossimi anni. Quelli...

Bioarchitettura: A Trento l’edificio unifamiliare PF

Descrizione: I temi principali della progettazione sono la struttura, il risparmio energetico e la continuità spaziale interno-esterno. Tipologia di intervento: Rifacimento e ampliamento di...

Parco di Plinio, il primo quartiere ecosostenibile di Roma…lo è davvero?

Il progetto di Parco Plinio si estende per 4 ettari, ospita al suo interno sei complessi edilizi ognuno dei quali è costituito da 32...

Livorno punta sul modello smart city: risparmio energetico e taglio emissioni

Lampioni a led intelligenti, semafori telecontrollati, sensori e telecamere per la gestione del traffico e della sosta dei veicoli, ma anche per...

Recent Comments